-

La  tua  erboristeria  di  fiducia dal  1980 

ERBORISTERIA L'ALVEARE -  PESARO

Blog

Allergia e reazioni allergiche

Posted by info@erboristerialalveare.com on 06 maggio 2016 alle 00.00

Sempre più persone soffrono di problematiche allergiche. Questo è un dato sotto gli occhi di tutti nella vita quotidiana, confermato anche da statistiche nazionali che mettono le allergie al terzo posto tra le patologie croniche più frequenti, con un trend di crescita in continuo aumento.

Genericamente parlando, un’allergia può essere definita come la risposta “esagerata”, dell’organismo nei confronti di sostanze denominate allergeni (presenti negli alimenti o nell’ambiente) che pur essendo di per loro innocue, vengono riconosciute dal sistema immunitario come estranee o nemiche.

Il contatto con tali “allergeni” induce il sistema immunitario a produrre una particolare classe di anticorpi tipica di tutte le manifestazioni allergiche: le immunoglobuline di tipo E (IgE). Queste agiscono “difendendo” l’organismo dalle sostanze considerate nocive sviluppando di conseguenza tutta la serie di fastidiosi, e a volte anche pericolosi, sintomi chiamati “reazione allergica” che possono coinvolgere la cute oppure le mucose (congiuntivale, nasale, bronchiale) portando rispettivamente alle manifestazioni tipiche di dermatite, congiuntivite, asma o rinite.

Tra tutte le manifestazioni allergiche, le più diffuse sono senza dubbio la rinite a la congiuntivite, in un complesso di sintomi che affliggono spesso contemporaneamente sia la mucosa nasale, sia la congiuntiva (rinocongiuntivite). Si ritiene che di queste problematiche soffra il 10-30% della popolazione mondiale, con una percentuale che in Italia è, in media, intorno al 20-25%. Elevatissima è anche l’incidenza dell’asma: in Italia circa 1 bambino su 10 soffre di disturbi asmatici e precisamente il 9,5 dei bambini e il 10,4% degli adolescenti.

Nell’allergia il sistema immunitario reagisce in modo “esasperato” di fronte ad un “qualcosa” con il quale si è venuti a contatto (attraverso l’aria che respiriamo, il cibo che mangiamo, le sostanze e gli oggetti con cui la nostra cute viene a contatto….); il fatto sconcertante è che questo “qualcosa”, chiamato allergene, è assolutamente innocuo per i più ma, inspiegabilmente, risulta essere dannoso per l’allergico. Ciò che è importante chiarire è che l’allergia, qualunque sia l’allergene, ovunque sia il suo sito d’ingresso nell’organismo (bocca, naso, cute…e qualunque sia l’organo o il tessuto sul quale la reazione esasperata si manifesta, non è mai una problematica localizzata ma è sempre una problematica sistemica, coinvolgente perciò l’intero organismo.

Diversi studi hanno infatti dimostrato che, sebbene si evidenzi con sintomi localizzati (congiuntivite allergica, dermatite atopica, rinite, asma, ecc.) apparentemente scollegati tra loro, l’allergia ha sempre e comunque un’origine sistemica, che sta alla base di tutte le sue manifestazioni.

Questa è la chiave per comprendere il perché, ad esempio, un bambino con dermatite atopica nella primissima infanzia (a comparsa entro il primo anno di vita nel 60-70% dei casi) può in seguito, solitamente intorno ai 4-5 anni, iniziare a manifestare sintomi d’asma, proprio nel momento in cui l’iper-reattività cutanea sembra essere ormai risolta.

Inoltre, comprendere la base sistemica dell’allergia è fondamentale per capire che, come una forma eritematosa cutanea può essere innescata sia dal contatto con un allergene ambientale sia con un alimento, allo stesso modo anche i sintomi dell’asma, della rinite e della congiuntivite possono essere legati non solo alla sensibilizzazione verso allergeni inalanti ma anche verso allergeni che vengono a contatto con l’organismo in sedi che nulla hanno a che fare con la mucosa respiratoria. Questa reattività che potremmo definire “crociata” fonda le sue basi sull’essere l’allergia una problematica sistemica.

Alla base di questo comportamento immunitario vi è un disequilibrio nella differenziazione delle cellule che funzionano come i “registri” della risposta difensiva, i linfociti T helper. I T helper (Th) sono suddivisi in due sottogruppi con funzioni specifiche, i Th1 e i Th2, tra loro antagonisti. Il cardine dell’efficienza immunitaria, e quindi della salute, dell’individuo ha le sue basi nell’equilibrio tra Th1 e Th2.

Per svariati fattori (mancato o scarso allattamento al seno, vaccinazioni, uso di farmaci, soprattutto antibiotici, alimentazione ricca di zuccheri e proteine animali, ecc.), questo equilibrio può venire a mancare, privilegiando un orientamento immunitario, oppure l’altro. Lo sbilanciamento immunitario verso Th2 è una caratteristica che predispone l’individuo all’allergia. I Th2 sono infatti legati all’attivazione e alla differenziazione dei linfociti B, produttori di IgE, gli anticorpi dell’allergia.

I quadri clinici dell’allergia tendono spesso a presentarsi con una progressione cronologica caratteristica. I primi sintomi di allergia sono rappresentati di solito da lesioni cutanee a carattere eritematoso (la classica dermatite atopica), che compaiono nei bambini molto piccoli, spesso sin dai primi mesi di vita.

Oltre a queste forme, altre manifestazioni precoci di allergia possono essere alcuni sintomi gastroenterici, come diarrea, vomito e dolori addominali; i sintomi respiratori sono invece solitamente a comparsa più tardiva, anche se la rinite e il “respiro sibilante”, prime evidenze del coinvolgimento della mucosa respiratoria, possono comparire anche nei bambini molto piccoli.

La dermatite atopica è comunque solitamente il primo, in ordine cronologico, della sequenza di eventi clinici che possono condurre all’espressione, ad esempio, dell’asma bronchiale; la dermatite atopica sembra quindi costituire il fattore di rischio principale per questo tipo di evoluzione. Infatti, in circa l’80% dei bambini che ne sono affetti si assiste in seguito alla comparsa di manifestazioni allergiche respiratorie, l’asma bronchiale in particolare; inoltre, a conferma di questa predisposizione, livelli elevati di IgE totali nel sangue (PRIST test) e Skin PRICK test positivi per allergeni inalanti (oltre che alimentari) possono essere dimostrati nell’80-90% dei soggetti con dermatite atopica.

Queste ed altre evidenze cliniche portano a ritenere che è come se l’allergia si “muovesse” all’interno dell’organismo, spostando la reattività verso tessuti più profondi, come in una sorta di marcia…

Questa progressione, ampiamente dimostrata e riconosciuta, è stata perciò definita “la marcia dell’allergico”. Per “marcia allergica” si intende appunto lo sviluppo in successione, quasi a tappe, di diverse manifestazioni allergiche nei primi anni di vita che vanno di pari passo con la progressiva sensibilizzazione dei diversi organi e tessuti (cute, mucosa intestinale, congiuntiva, mucosa respiratoria e bronchiale).

L’incremento della casistica delle allergie è stato accompagnato da un aumento del numero di individui sottoposti a cura farmacologica. Purtroppo, uno dei maggiori “difetti” della medicina moderna è la costante presenza nei farmaci di effetti collaterali secondari, più o meno fastidiosi e, addirittura, più o meno pericolosi per la salute stessa di chi li assume. In particolare, nelle patologie croniche, quali le affezioni allergiche, le conseguenze di un’assunzione continuativa possono essere pesantissime per la salute generale dell’individuo.

Fortunatamente la natura ci aiuta ad approcciare le problematiche allergiche e la risposta esagerata di alcuni soggetti agli "allergeni".

Rimedio principe per le allergie è sicuramente il Ribes Nero. L’elevato contenuto in acidi grassi polinsaturi, alfa-linolenico (omega-3) e gamma-linolenico (omega-6), è ritenuto essere tra i principali fattori responsabili della sua azione antinfiammatoria. Gli estratti di Ribes nero sono anche ricchi di antociani e di polifenoli (rutina e isoquercitina), con un ruolo fondamentale nell’inibire la risposta allergica infiammatoria, e di principi attivi di natura steroidea, ritenuti possedere un effetto cortisone-simile, con una conseguente azione antinfiammatoria fisiologica, priva di effetti collaterali.

L'associazione di rimedi  oligoterapici al Ribes Nero, costituisce ancor di più una risoluzione delle problematiche allergiche. 

L'oligoelemento che consigliamo su base scientifica, è il Manganese. A seconda delle problematiche e della propria costituzione Manganese-Rame, Manganese-Cobalto, associazione Manganese e Zinco e via dicendo. Per sapere il rimedio oligoterapico più adatto a voi chiedete un consiglio personalizzato. 

1. diminuire la reattività generale dell’organismo nei confronti delle sollecitazioni da parte degli allergeni, con l’obbiettivo di rendere la fase sintomatica sempre meno probabile;

2. dare sollievo ai sintomi locali (di asma, rinite o congiuntivite allergica), nel caso in cui questi si manifestino, evitandone il peggioramento.

Questo approccio, associato come sempre ad un sano stile di vita (alimentare, ma non solo) prevede l’utilizzo di rimedi naturali che per tradizione popolare, confermata da recenti studi, rappresentano un’opportunità per riuscire ad arrivare alla soluzione definitiva.

Consigliamo l'assunzione dei rimedi naturali:

– nelle fasi asintomatiche, per abbassare la reattività allergica dell’individuo, per periodi di 2-3 mesi, Gennaio, Febbraio, Marzo; ripetendo il ciclo di assunzione più volte all’anno, ad esempio Settembre/Ottobre. 60gt di Ribes n. o rimedi a base di Ribes N. per 1 v. il dì, al mattino. Associate a 1 fiala di oligoelementi al mattino per 20 giorni al mese, poi sospendere 10 giorni e riprendere il mese successivo. 

– sin dalle prime avvisaglie di sintomi, per evitare l’evoluzione alla forma acuta o ridurne gli effetti. 60gt di Ribes n. o rimedi a base di Ribes N. per 2 v. il dì, al mattino e al pomeriggio. Associate a 1 fiala di oligoelementi al mattino per 20 giorni al mese, poi sospendere 10 giorni e riprendere il mese successivo.

Se si ritiene necessaria, è opportuna l’associazione concomitante dei rimedi sintomatici specifici (a seconda che si tratti di rinite, congiuntivite o asma) sino alla remissione dei sintomi; ad esempio spray nasali, aerosol, spray orali, a base vegetale.

Per ricevere un consiglio personalizzato nel trattamento delle forme allergiche, contattaci o recati nel nostro punto vendita.



Categorie: Nessuna

Pubblica un commento

Attenzione.

Oops, you forgot something.

Attenzione.

Le parole inserite non corrispondono al testo fornito. Riprova.

Already a member? Accedi

4 commenti

Rispondi TimmyReulp
alle 16.33 Eel 06 dicembre 2017 
Hi HI
Rispondi Bettyjaw
alle 15.52 Eel 15 novembre 2017 
b says...
Aliexpress is Star shopping...

url=https://alitems.com/g/1e8d1144947cf271b95a16525dc3e8/ says...
[img]https://i0.wp.com/aliholic.com/wp-content/uploads/2017/06/b
est-selling-products-2017-aliexpress-logo.jpg?fit=1060%2C442&ssl=
1
[/url]
Rispondi Leticiamar
alle 03.02 Eel 10 novembre 2017 
url=https://alitems.com/g/1e8d1144947cf271b95a16525dc3e8/ says...
[b]Aliexpress
[/url] is Star shopping...
Rispondi Jamesobeda
alle 16.39 Eel 11 agosto 2017 
Downloads Music/MP3/FLAC/ Private FTP Scene 1990-2017 FTP Server, Music Videos,
Minimal, Hardstyle, House, Techno, Tech-House, Dance, Trance, Club, Pop, Rock, Rap, Bass
https://0daymusic.org